PUMA
Istituto di Scienza e Tecnologie dell'Informazione     
Bertini G., Magrini M., Paolini F. Dispositivo di ausilio a soggetti ipoacusici per il migliore ascolto della musica. Internal note, 2009.
 
 
Abstract
(English)
This paper describes the work of the training carried out c/o the ISTI-CNR S&I Lab. by Filippo Paolini, regarding the design of portable devices based on DSP, in order to allow the improvement the listen of music from ipoacousic subjects, not obtainable with commercial hearing aids. The activity has been born from an idea of the colleague Giotto Fiorio † since 2000, in spite of the argument was not considered of interest. The activity has been developed irregularly in the time, for the difficulties to find founds, mainly from Graziano Bertini like free research, with the collaboration of Massimo Magrini, Luigi Bedini and of students of the Pisa University. The topic is only recently dealt in bibliography, that is to improve the hearing aids response to "high frequency", to specifying that for the experts this term mean 5 kHz to 8 kHz. This range is the maximum limit considered by the commercial HW/SW instrumentation, while in our proposal the term "high frequency" refers to the entire audio range till 16 kHz, required for a good listening of music.
Abstract
(Italiano)
L'oggetto di questa nota è la descrizione del lavoro di tesi e di parte del tirocinio svolto presso il Lab. Segnali e Immagini dell'ISTI-CNR da Filippo Paolini, nell'ambito di attività riguardanti problematiche di progettazione di dispositivi portatili basati su DSP, da realizzare per permettere un migliore ascolto della musica da parte di soggetti ipoacusici, obiettivo non ottenibile con le usuali protesi miniaturizzate. Il lavoro è nato da un idea iniziale dovuta al compianto collega Giotto Fiorio fin dal 2000, che ci ha spronato nell'attività, nonostante l'argomento non fosse all'epoca considerato di interesse. In effetti l'attività si è sviluppata saltuariamente nel tempo per le usuali difficoltà a reperire finaziamenti e principalmente da Graziano Bertini come ricerca libera, con l'aiuto di Massimo Magrini, Luigi Bedini e di tesisti dell'Università di Pisa. Solo di recente si comincia a veder trattato in bibliografia il problema di migliorare la resa delle protesi alle "alte frequenze", precisando che per gli esperti del settore si intende per queste la gamma che va da 5 kHz a 8 kHz, limite massimo considerato nella strumentazione HW/SW delle case costruttrici, mentre nella nostra proposta il termine "alte frequenza" si riferisce all'intera gamma audio cioè fino a 16 kHz, secondo noi indispensabile per un buon ascolto della musica.
Subject Hearing aids
Digital signal processing
Speech processing
C.3 Special-Purpose and Application-Based Systems
H.5.5 Sound and Music Computing
I.5.4 Applications


Icona documento 1) Download Document PDF


Icona documento Open access Icona documento Restricted Icona documento Private

 


Per ulteriori informazioni, contattare: Librarian http://puma.isti.cnr.it

Valid HTML 4.0 Transitional