PUMA
Istituto di Scienze Marine     
Giordano P., Spagnoli F., Marcaccio M., Marini M. Il Mar Piccolo di Taranto: osservazioni preliminari sul ciclo dei nutrienti all'interfaccia acqua-sedimento. In: Atti dell'Associazione Italiana Oceanografia e Limnologia, vol. 17 pp. 59 - 69. Associazione Italiana Oceanografia e Limnologia, 2004.
 
 
Abstract
(English)
Di seguito si riportano alcuni dei risultati ottenuti mediante un esperimento per la valutazione dei flussi bentici, di ossigeno e di nutrienti, eseguito nell'aprile 1999 nel Primo Seno del Mar Piccolo di Taranto. Il bacino notoriamente soggetto a periodiche crisi anossiche che sono causate dalle eccessive immissioni di nutrienti. Il sedimento stato caratterizzato tramite analisi granulometriche, mineralogiche e biogeochimiche (C organico e inorganico, N totale, P organico e inorganico) eseguite su una carota di sedimento prelevata all'interno del bacino. Nello stesso sito sono stati misurati i flussi di sostanze disciolte all'interfaccia acqua-sedimento (PO4, NH4, NO2, NO3, Si(OH)4, TCO2, O2, Fe, Mn, Ca, Mg) mediante camere bentiche. Il sedimento costituito prevalentemente da argille siltose (73%) e da frammenti organogeni carbonatici, ed particolarmente ricco di sostanza organica (C organico= 4%) ancora molto reattiva (C/N=9.9). I flussi bentici sono risultati positivi per NH4, NO2, TCO2, PO4, Si(OH)4 e Mn, e negativi per O2 ed NO3. I dati delle camere bentiche hanno inoltre permesso di distinguere flussi diurni da quelli notturni per O2, NO3, NO2, e TCO2. E' stato infine possibile desumere che, durante la sperimentazione, erano in atto processi di degradazione di sostanza organica reattiva, dovuti al consumo dell'ossigeno disciolto e alla riduzione dei nitrati, a gusci di diatomee. Il flusso positivo di Mn indica la presenza di condizioni riducenti poco sotto l'interfaccia acqua-sedimento.
Abstract
(Italiano)
Di seguito si riportano alcuni dei risultati ottenuti mediante un esperimento per la valutazione dei flussi bentici, di ossigeno e di nutrienti, eseguito nell'aprile 1999 nel Primo Seno del Mar Piccolo di Taranto. Il bacino notoriamente soggetto a periodiche crisi anossiche che sono causate dalle eccessive immissioni di nutrienti. Il sedimento stato caratterizzato tramite analisi granulometriche, mineralogiche e biogeochimiche (C organico e inorganico, N totale, P organico e inorganico) eseguite su una carota di sedimento prelevata all'interno del bacino. Nello stesso sito sono stati misurati i flussi di sostanze disciolte all'interfaccia acqua-sedimento (PO4, NH4, NO2, NO3, Si(OH)4, TCO2, O2, Fe, Mn, Ca, Mg) mediante camere bentiche. Il sedimento costituito prevalentemente da argille siltose (73%) e da frammenti organogeni carbonatici, ed particolarmente ricco di sostanza organica (C organico= 4%) ancora molto reattiva (C/N=9.9). I flussi bentici sono risultati positivi per NH4, NO2, TCO2, PO4, Si(OH)4 e Mn, e negativi per O2 ed NO3. I dati delle camere bentiche hanno inoltre permesso di distinguere flussi diurni da quelli notturni per O2, NO3, NO2, e TCO2. E' stato infine possibile desumere che, durante la sperimentazione, erano in atto processi di degradazione di sostanza organica reattiva, dovuti al consumo dell'ossigeno disciolto e alla riduzione dei nitrati, a gusci di diatomee. Il flusso positivo di Mn indica la presenza di condizioni riducenti poco sotto l'interfaccia acqua-sedimento.
Subject Biogeochemistry


Icona documento 1) Download Document PDF


Icona documento Open access Icona documento Restricted Icona documento Private

 


Per ulteriori informazioni, contattare: Librarian http://puma.isti.cnr.it

Valid HTML 4.0 Transitional