PUMA
Istituto di Storia dell'Europa Mediterranea     
Nocco S. Le miniere sarde: da luogo di lavoro a luogo della memoria e dell'identitā. Il caso del Sarrabus-Gerrei. In: RiMe. Rivista dell'Istituto di Storia dell'Europa Mediterranea, vol. 3 pp. 69 - 91. Istituto di Storia dell'Europa Mediterranea, 2009.
 
 
Abstract
(English)
For about 8000 years Sardinia has developed an intense mining activity that has completely transformed the economy, the society and the territory. At the end of the 20th century, with the almost total closure of the mines on the island, a reflection on their possible recovery became necessary. The abandoned mines of Sardinia - in 1997 declared "World Heritage" by UNESCO and now belonging to the first "Historical and Environmental Geo-Mineral Park" of the world - are both a historical memory of the Sardinians and an available resource for the future generations.
Abstract
(Italiano)
In Sardegna per circa ottomila anni si č svolta un'intensa attivitā estrattiva che ne ha trasformato in modo irreversibile economia, societā e territorio. La chiusura quasi totale delle miniere isolane, alla fine del '900, ha imposto una riflessione sui diversi ruoli possibili per questi siti, dichiarati "patrimonio culturale dell'umanitā" dall'UNESCO nel 1997. Le aree minerarie dismesse della Sardegna - ora ricadenti nel primo "Parco Geominerario, Storico e Ambientale" mondiale - sono allo stesso tempo memoria storica di un popolo e risorsa ancora disponibile per le generazioni future.
Subject Sardegna
miniere
paesaggio


Icona documento 1) Download Document PDF


Icona documento Open access Icona documento Restricted Icona documento Private

 


Per ulteriori informazioni, contattare: Librarian http://puma.isti.cnr.it

Valid HTML 4.0 Transitional