PUMA
Biblioteca Area della Ricerca di Bologna     
Mangiaracina S. Document Delivery elettronico sicuro con NILDE. In: La biblioteca scientifica e tecnologica servizi per l'informazione scientifica (Roma, 17 aprile 2008).
 
 
Abstract
(English)
In the course of the last two decades, the availability of digital information resources, accessible at any time and in any place, has changed the expectations and the behaviour of library users. However, the actual access to scientific literature depends on both the amount of money libraries can afford to subscribe e-journals and databases and services such as inter-library loan (ILL) and document delivery (DD) which traditionally allow libraries to share their resources, expanding the possibilities to meet their user's requests. The Internet and information technology in general in this context allow a better effectiveness of the above mentioned services and a faster and more efficient satisfaction of users' needs. The current laws on copyright regulate the use of paper publication. They explicitly recognise inter-library loan and document delivery service among libraries. However no specific dispositions are mentioned. Because of this legal limit, rights and duties on access and use of digital resources cannot be regulated by law, they need a private agreement between a library and a publisher: the licence agreement. Generally speaking a licence agreement establishes the contractual obligations between a publisher and a library: the former has the task of protecting the interests of authors as well as his own, the latter to protect the interests of its users. What is agreed upon is not only the cost of access but its conditions and the conditions of use of downloads, as DD. Hera are presented the recent developments of the system NILDE, which allows the so-called Secure electronic Document Delivery (SeDD), a limitation very frequently imposed by publishers in case of electronic delivery of a document. The cut in time of delivery and cost of processing a request clashes with the need, on the publisher's side, to safeguard a prospective decrease in subscriptions. Publishers invite to use specific software in order to prevent illegal use of licensed material. The question is: to what extent can this control be enforced without seriously limiting the right to a free circulation of information in scientific research? Despite the potential improvement of electronic delivery and technology on DD service, the many legal and economic implications tend to strongly limit its use.
Abstract
(Italiano)
Nel corso degli ultimi vent'anni la disponibilità di risorse informative digitali, accessibili ovunque e in qualsiasi momento, ha cambiato le aspettative ed il comportamento degli utenti delle biblioteche. Tuttavia, l'effettivo accesso alla letteratura scientifica dipende sia dalla disponibilità economica delle biblioteche a sostenere sottoscrizioni a e-journals e banche dati, sia da servizi quali il prestito inter-bibliotecario (ILL) e il document delivery (DD) che storicamente consentono alle biblioteche di effettuare una condivisione reciproca delle risorse, espandendone la capacità di soddisfare le richieste dei propri utenti. L'utilizzo di Internet e della tecnologia in generale in questo contesto, consente di migliorare l'efficienza di detti servizi e di soddisfare in maniera più tempestiva ed efficace le esigenze degli utenti. La normativa vigente sul diritto d'autore disciplina gli usi consentiti sulle pubblicazioni cartacee, riconoscendo esplicitamente il servizio di prestito inter-bibliotecario e rendendo possibile l'espletamento del servizio di document delivery da parte delle biblioteche, pur non prevedendone disposizioni specifiche. A causa di questo limite normativo, diritti e doveri sull'accesso e sull'utilizzo delle risorse digitali non possono essere regolati dalla legge statale, ma necessitano di un accordo privato tra biblioteca ed editore: la licenza. In generale una licenza stabilisce degli obblighi contrattuali tra editore e biblioteca: il primo è volto a proteggere gli interessi degli autori, nonché i propri, la seconda a proteggere gli interessi dei suoi utenti. Ciò che viene contrattato non è quindi il solo prezzo per l'accesso ma anche le sue modalità e gli usi consentiti sui download, come per esempio il DD. Si presentano qui i recenti sviluppi del sistema NILDE per consentire la cosiddetta trasmissione elettronica sicura (secure Eletronic Document Delivery, sEDD), che è una limitazione molto spesso imposta dall'editore nel caso di trasferimento elettronico del documento. La riduzione dei tempi di fornitura e dei costi di gestione delle richieste desiderata dalle biblioteche si scontra con la necessità di tutela dell'editore rispetto a un'eventuale diminuzione delle sottoscrizioni: pur non in modo esplicito, appare evidente come l'editore inviti sempre più spesso all'utilizzo di sistemi software per il controllo preventivo della fruizione del materiale licenziato. Ma ci si domanda fino a che punto la difesa preventiva dei diritti degli autori/interessi degli editori possa spingersi per non ledere la libera circolazione delle informazioni nel mondo della ricerca scientifica, possibile solo attraverso un controllo meno rigido sull'informazione. Nonostante quindi la trasmissione elettronica e la tecnologia abbiano la potenzialità di migliorare notevolmente il servizio DD, le implicazioni legali ed economiche che ne conseguono tendono a frenarne fortemente l'uso.
Subject Resource sharing
Document Delivery
Inter-library cooperation
Nilde
Condivisione delle risorse
Cooperazione tra biblioteche
SeDD
Trasmissione elettronica sicura


Icona documento 1) Download Document PDF


Icona documento Open access Icona documento Restricted Icona documento Private

 


Per ulteriori informazioni, contattare: Librarian http://puma.isti.cnr.it

Valid HTML 4.0 Transitional