PUMA
Biblioteca Area della Ricerca di Bologna     
Brischetto R., Galimberti M. Nilde Utenti: riflessioni su un'esperienza. In: NILDE IV - IV Convegno Internet Document Delivery e cooperazione interbibliotecaria "Servizi DD e risorse elettroniche: le esigenze degli utenti, le risposte delle biblioteche" (Napoli, 18-19 Maggio 2006). Atti, Silvana Mangiaracina (CNR-Biblioteca Area, Bologna) (eds.). CNR, 2006.
 
 
Abstract
(English)
The experience of two biomedical libraries at the University of Turine with the Nilde Users module is carefully described in this article.
Abstract
(Italiano)
Questo intervento ha lo scopo di raccontare l'esperienza di utilizzo del servizio Nilde Utenti presso la Biblioteca di Odontostomatologia dell'Università di Torino, iniziata dopo il III Workshop Internet DD e cooperazione bibliotecaria. La qualità al servizio della cooperazione del 2005. Gli utenti abilitati a tutt'oggi sono 10, per un totale di richieste pari a 64 su un totale di 600 (consegnate direttamente: 23; consegnate: 31; inevase: 10). L'esperienza risulta positiva sia per l'utente sia per l'operatore di biblioteca. Dal punto di vista dell'utente che effettua una ricerca su banca dati, è agevole inoltrare la richiesta a partire dal riferimento bibliografico di interesse, con un semplice click. Questa praticità, tuttavia, porta l'utente a porre in secondo piano la consultazione dei cataloghi e di conseguenza a richiedere frequentemente materiale presente in biblioteca in formato elettronico o cartaceo, come dimostrano i dati rilevati (su 64 richieste, 18 si riferivano a riviste in licenza di Ateneo e 3 a pubblicazioni a stampa presenti in catalogo). Tuttavia, nel momento in cui venisse utilizzato un open-url resolver come quello recentemente implementato dall'Università di Torino, il problema della mancata consultazione dei cataloghi verrebbe a cadere. Dal punto di vista dell'operatore, una volta ricevuta la richiesta (se viene inoltrata direttamente dalla banca dati) è possibile inviare l'ordine senza previa verifica dell'esattezza dei dati e, se la rivista è posseduta da una delle biblioteche aderenti a Nilde, senza compilare ulteriori moduli; inoltre, si ha il vantaggio di poter visualizzare l'elenco di tutte le biblioteche di Nilde che possiedono il documento in questione, siano o meno in ACNP, e quindi di coinvolgere nel servizio Nilde anche quelle strutture che sovente restano fuori dagli scambi perché non presenti nel Catalogo Nazionale dei Periodici. Per le ragioni esposte e per le risposte che le biblioteche devono saper dare alle richieste dei propri utenti, il progetto futuro per la Biblioteca di Odontostomatologia è di utilizzare Nilde Utenti non più solo come form integrato alle banche dati, ma come strumento di gestione e archiviazione delle richieste di document delivery, e quindi di registrare tutti gli utenti che intendano usufruire di questo servizio. A questo proposito, potrebbe essere utile aggiungere nel menu My Users una funzione Esporta dati analoga a quella già presente nel menu My account, che permetterebbe di scaricare in un file Excel o Access i dati di Nilde Utenti, e che agevolerebbe le operazioni di archiviazione degli ordini. Un'ultima osservazione prende spunto da una delle esigenze che sempre più spesso l'utente di biblioteca manifesta, ovvero ottenere il materiale in formato digitale; questo non è consentito né dal regolamento di Nilde (punto c del par. Rispetto della normativa sul diritto d'autore), né dalla struttura del form Nilde Utenti, e in questo senso le aspettative dell'utente non possono essere completamente soddisfatte. La questione apre l'ampio discorso che lega il document delivery a copyright e licenze, tema centrale di questo workshop.
Subject Document delivery


Icona documento 1) Download Document PDF


Icona documento Open access Icona documento Restricted Icona documento Private

 


Per ulteriori informazioni, contattare: Librarian http://puma.isti.cnr.it

Valid HTML 4.0 Transitional